Una delle migliori band italiane di sempre, entrano in famiglia! Contattateci!

CUT

JOHN LEE HOOKER STRETTO NELLA CAMICIA DI FORZA DEL POSTPUNK

Biography

I CUT sono una rock band di stanza a Bologna, nata nel 1996. La loro attività è stata la scintilla che ha contribuito alla nascita e allo sviluppo di una delle piú importanti etichette indipendenti italiane, Gamma Pop.
 
Il suono dei CUT è stato descritto in vari modi ma forse il più azzeccato è stato coniato dalla webzine UK Pennyblack Music: “John Lee Hooker stuck in a postpunk straitjacket” ovvero “John Lee Hooker stretto nella camicia di forza del postpunk” (http://www.pennyblackmusic.co.uk)
 
La loro discografia conta sei album in studio, un live in UK e un E.P. per la stessa Gamma Pop e per altre istituzioni della scena come Homesleep Music, Riff Records e Go Down! Records.
 
Per le session dell’album in studio “ANNIHILATION ROAD” la band si è trasferita temporaneamente a New York presso lo studio di MATT VERTA-RAY, chitarrista e socio di Jon Spencer negli Heavy Trash. L’idea di una collaborazione tra i CUT e MV-R è nata dopo aver condiviso il palco in occasione di un tour italiano degli Heavy Trash nel 2006. Nel suo studio del Lower East Side Matt ha registrato artisti del calibro di Jon Spencer Blues Explosion, 20 Miles, Kid Congo Powers, Ronnie Spector, Andre Williams, Mick Collins, Mooney Suzuky, Robert Quine. Il disco è stato masterizzato da Ivan Julian (Richard Hell and The Voidoids) ed è uscito nell’ottobre 2010 per Go Down! Records.
 
L’attività live del gruppo ha toccato ripetutamente ogni angolo della penisola e non solo: i CUT contano infatti numerosi  tour europei e date negli Stati Uniti. In particolare la band ha messo radici in terra d’Albione grazie a ripetuti tour e uscite discografiche marcate U.K. Nel 2011 la band ha l’uscita del primo live album del gruppo. “THE BATTLE OF BRITAIN – Live in the U.K.” è una fedele testimonianza sonora del terzo tour inglese dei CUT – febbraio 2011. L’album, disponibile solo in vinile attraverso Gamma Pop, è stato registrato e mixato da Andrea Rovacchi (Slugs, Julie’s Haircut), per gran parte durante la data di Liverpool (19 febbraio 2011 –Pilgrim Bar).
 
In questi anni la band ha suonato con: The Make Up, Unwound, Ulan Bator, Uzeda, Royal Trux, International Noise Conspiracy, Eels, Delta ‘72, Man Or Astroman, Old Time Relijun, The Hives, Heavy Trash, Violent Femmes e molti altri artisti italiani e internazionali.
 
Il 27 luglio 2012 hanno aperto il concerto di IGGY & THE STOOGES al castello Scaligero di Villafranca di Verona.
 
L’8 agosto 2016 invece aprono per i MUDHONEY allo Spazio Boss di La Spezia.
 
L’8 marzo 2013 vede la luce, sempre per Gamma Pop, “Downtown Love Tragedies (Pts. 1&2)” un 7” split con i “gemelli” Julie’s Haircut, in cui i due gruppi si confrontano con due classici della black music reinterpretati per l’occasione e “miscelati” ad altrettanti classici della new wave americana: Who is He and What Is He To You di Bill Whiters con incastonato il riff di Little Johnny Jewels dei Television per i Julie’s Haircut e Emma degli Hot Chocolate con una corposa citazione di Dream Baby, Dream dei Suicide per i CUT.
 
Nel marzo 2014, in occasione del decimo tour in UK, la band produce una release online del brano “In Toxteth” con alla voce Pete Bentham di Peter Bentham & The Dinner Ladies. Pete è un leggendario musicista e promoter di Liverpool, la città che è diventata quasi una seconda casa per i CUT, al punto che l’etichetta inglese ANTIPOP RECORDS ha deciso di prendere in distribuzione e di curare la pubblicazione degli album dei CUT per il territorio UK. Il brano è disponibile sul profilo bandcamp della Antipop Records.
 
Questa uscita è parte di un progetto più ampio, denominato “CUT Must Die!”, ovvero una serie di collaborazioni tra i CUT e i loro amici e collaboratori storici. Alcune di queste collaborazioni (come quella con Andrea Rovacchi per il brano Take It Back To the Start, già pubblicato online) sono confluite nell’ultima uscita discografica ufficiale dei CUT.
 
Il 20 febbraio 2017, infatti, esce Second Skin, il sesto album in studio per i CUT.
 
L’album, registrato e prodotto da Bruno Germano (Settlefish, Arto) presso il Vacuum Studio di Bologna, include contributi da parte di Mike Watt (Minutemen, fIREHOSE, Iggy & The Stooges), Stefano Pilia (Rokia Traoré, In Zaire, Massimo Volume, Il Sogno Del Marinaio e molti altri), Sergio Carlini (Three Second Kiss), Andrea Rovacchi (Julie’s Haircut), Francesco Salomone (Forty Winks, Qlowski), Francesco Bucci, Paolo Raineri (Ottone Pesante, Junkfood) e molti altri. Second Skin è frutto di una co-produzione tra Area Pirata, Dischi Bervisti, Bare Bones Productions e l’etichetta inglese Antipop. Per l’artwork è stato scelto “Nel Buio”, un quadro dell’artista modenese Simone Fazio. Dall’uscita dell’album fino a oggi la band ha ulteriormente intensificato la propria attività live in Italia, in Europa continentale e nel Regno Unito.
 
CUT:
Ferruccio Quercetti – vocals, guitar
Carlo Masu – vocals. guitar
Tony Booza – drums, percussion